Dandandin.net - English   Dandandin.it - Japanese

Microsoft Security Essentials - Nuovo Antivirus gratuito

Aggiornamento: ho cambiato idea su questo antivirus, adesso lo sconsiglio totalmente

 

Sul blog ufficiale di Windows è stato appena annunciato Microsoft Security Essentials, un nuovo antivirus gratuito.

Non richiede registrazione ed è "gratis per sempre", oh che bello!

L'unico "svantaggio" è che richiede una copia di Windows originale, ma questo non è un problema, vero?

Questo antivirus sarà buono?

Symantec ha commentato dicendo che, secondo loro, è uno dei peggiori antivirus che uno potrebbe scegliere (se no chi comprerebbe Norton)

Hanno pure realizzato un video in cui si spiega perché un antivirus a pagamento è molto meglio, per queste ragioni:

  1. Gli antivirus gratuiti non hanno un filtro anti-phishing. Beh, è vero, ma è inutile, in quanto tutti i browser in commercio hanno già un filtro anti-phishing, ed è inutile stare a scansionare tutto il traffico occupando risorse di sistema per niente. Se proprio vogliamo avere la protezione anti-phishing con browser obsoleti, allora possiamo usare OpenDNS
  2. Gli antivirus gratuiti non hanno un firewall. Beh, secondo me il firewall di Windows è più che sufficiente per l'utente medio. Chi proprio non può rinunciare a un firewall, allora può scegliere comodo antivirus, che include anche un firewall (e anche un filtro anti-phishing se si sceglie l'opzione SecureDNS )
  3. Se c'è un problema con un antivirus gratuito, non possiamo alzare la cornetta e chiedere aiuto. Uhm... seriamente... quanti di voi hanno mai telefonato per chiedere assistenza su come funziona un antivirus?

A parte questo, c'è chi, pur lavorando alla concorrenza, ne parla quasi bene.

Symantec e McAfee non hanno da preoccuparsi, continueranno ad incassare un sacco di soldi, i produttori di PC continueranno a vendere sistemi dove ci saranno ancora le demo 30-60 giorni degli antivirus (perché prendono soldi), l'utente inesperto cliccherà su "paga&aggiorna", e i tecnici di computer disonesti continueranno a "dimenticarsi" di proporre un antivirus gratis ai loro clienti: così possono incassare più soldi

Quasi quasi ora disinstallo Avast e provo questo AV di casa Microsoft

Aggiornamento:

Come scritto in un post sul forum, ho disinstallato Avast e provato MSE, non è male

Occupa poche risorse, giusto una 30ina di Mb in RAM, ed è (anche troppo) semplice

La sua interfaccia è veramente ridotta all'osso, quasi disarmante, c'è un enorme simbolo "Protetto" oppure "A rischio", un pulsante per aggiornare, la pianificazione scansione automatica e un paio di opzioni...

Ideale per inesperti, invece Avast è veramente "conturbante"

L'unica cosa che mi infastidisce, ma solo pochissimo, è che il menu contestuale "Scan with Avast" è diventato "Analizza con Microsoft Security Essentials"

Uhm, peccato che non ci hanno messo "2009" o "2010"

Ma si sa, alla Microsoft piace dare nomi lunghi ai propri prodotti.

Come Windows 7 Ultimate Edition - Steve Ballmer Signature Edition

Nuovo aggiornamento Wii 4.2, addio homebrew?

Ed ecco che Nintendo si è arrabbiata veramente, dopo quasi 3 anni di "aggiornamenti finti" in cui la pirateria è stata (quasi) ignorata, ecco uscito il firmware 4.2, che presenta queste novità:

Novità visibili per l'utente finale:

  1. Nessuna

Novità per gli utenti "avanzati":

  1. L'Homebrew channel è cancellato automaticamente (date 1-2 giorni al Team Twiizers che rilasci un aggiornamento al canale, e possono correggere il problema in un battibaleno, basta che cambino il nome del canale da HAXX a un altro )
  2. Vengono sovrascritti molti IOS "pirateggianti", rendendoli inutilizzabili
  3. Viene sovrascritto il boot2 con l'ultima versione, rendendo impossibile la sostituzione degli IOS, e soprattutto eliminando il bootmii
  4. Bannerbomb non funziona più (però si possono usare l'ultimo exploit di Indiana Jones, o l'altro di Super Smash Bros)

Inutile dire che NON bisogna aggiornare assolutamente per nessun motivo! Altrimenti...

Aggiornamento:

Il team Twiizers ha analizzato la nuova versione, ecco i punti salienti:

  1. Ogni volta che il menu di sistema viene caricato, viiene cancellato il twilight hack e i canali con i titoli DVDX e HAXX. Il che rende le cose estremamente facili per gli hacker... basta cambiare il nome del canale
  2. Viene cambiato il boot2 con una routine molto instabile non affidabile che, a parer loro, fallisce ogni tanto, rendendo il Wii un grazioso soprammobile

Per il bannerbomb, ancora devono vedere come è stato bloccato, se l'hanno corretto veramente, oppure se basta una veloce correzione per ripristinarlo.

La cosa shockante comunque è il fatto che "osino" toccare il boot2, operazione molto rischiosa che potrebbe lasciare amareggiati molti clienti onesti... (se fallisce, il Wii non si accenderà mai più )

Google imprigiona Android, l'essere open source è tutta una messinscena!!

Google è famosa per il suo motto “Don’t be evil” (Non siate malvagi), e ci ha abituati a miriadi di servizi gratuiti, e sta guadagnando miliardi sulla sua base di utenti fedelissimi che lo preferiscono rispetto alla concorrenza. Un suo progetto ambizioso che sta riuscendo è Android, una piattaforma Open Source per i cellulari. I produttori di cellulari ottengono un ottimo sistema operativo completo per i loro prodotti, gli utilizzatori più smanettoni possono migliorarlo dato che è tutto open source. E infatti così è andata, decine di smanettoni si sono creati il loro sistema perfetto, ottimizzato al meglio. La cosa è evoluta nella creazione di una versione chiamata CyanogenMod, che mi ha fatto veramente considerare nell’acquisto di un HTC Dream, dato che, quando l’avevo provato a Marzo in un negozio con il firmware originale, l’avevo immediatamente scartato per la sua limitatezza e lentezza. La CyanogenMod mi ha trasformato il Dream in un “laptop replacement” (sostituto di un pc portatile), come ho scritto il mese scorso. Specialmente nel caso dei telefoni venduti da TIM, è quasi obbligatorio cambiare il sistema interno; infatti, per ragioni di marketing, e per spingerti a comprare un nuovo cellulare più costoso, hanno rimosso molte funzioni come la push mail (le email ti arrivano sul cellulare come sms), la chat (se chatti, non mandi sms, e se non mandi sms loro non guadagnano milioni), la sincronizzazione con il calendario e i contatti, l’assenza totale della tastiera virtuale, e soprattutto niente aggiornamenti di sistema!

Per questi motivi, la CyanogenMod ha raggiunto un successo incredibile, con una nuova versione a cadenza quasi giornaliera, e miriadi di miglioramenti che lasciano quasi a bocca aperta! Come avere un telefono nuovo ogni giorno!

Invece di essere contenta di questi miglioramenti resi pubblici e/o assumerlo in pianta stabile, Google invece cosa ha fatto? Ha mandato una lettera “Cease&Desist” a Cyanogen!! (Una lettera in cui si intima a smetterla di distribuire la sua modifica pena la citazione in tribunale!)

La motivazione? Gmail, Gtalk, Maps, il Market, tutto il sistema di sincronizzazione e YouTube sono gratis, ma non possono essere distribuite liberamente!

Ecco il commento di Google su questa faccenda (versione integrale):

Either way, these apps aren’t open source, and that’s why they aren’t included in the Android source code repository. Unauthorized distribution of this software harms us just like it would any other business, even if it’s done with the best of intentions.

Traduzione:

Comunque sia, queste applicazioni non sono open source, ecco perché non sono incluse nel repositori del codice di Android. La distribuzione non autorizzata di questi programmi ci danneggia economicamente

Danneggia economicamente? Ogni utente di Android è obbligato ad avere un account con Google ed ad usare tutti i suoi servizi! Rimuovendo Gmail e Gtalk, l’utente è obbligato ad usare servizi della concorrenza!

E questo anche per il Market, Google non vuole che altri lo usino liberamente, se no vengono danneggiati economicamente. No, no, aspetta, questa non l’ho capita. Leggiamo cosa dice la guida dell’Android Market:

La commissione sulle transazioni per le applicazioni che decidi di vendere in Android Market è pari al 30% del prezzo dell'applicazione. Ad esempio, se vendi la tua applicazione al prezzo di 10,00 euro, la commissione sarà pari a 3,00 euro, quindi riceverai un pagamento di 7,00 euro.

Quindi, come fanno ad essere danneggiati economicamente se il Market viene incluso in distribuzioni non ufficiali?? Semmai il contrario!

Cyanogen ha già detto che rimpiazzerà il Market di Google con quello di SlideMe, che offre ai programmatori commissioni mooolto più basse rispetto a Google (5%), è disponibile in tutto il mondo (invece dei pochi paesi di quello ufficiale), dispone di una pratica interfaccia da usare sul computer, e soprattutto offre una protezione antipirateria! I programmi a pagamento di Android, comprati sullo store ufficiale, non hanno alcuna protezione antipirateria! Basta andare su /data/app_private e copiarsi su SD il file interessato!

La situazione è così grave che molti sviluppatori pubblicano sul market ufficiali solo le demo, lasciando il prodotto completo solo su SlideMe. Un esempio lampante è il nuovissimo Speed Force 3d, uno dei pochissimi giochi 3d.

E ora che i soldi delle applicazioni andranno interamente ad altri, chi è che viene danneggiato economicamente???? SlideMe sicuramente starà facendo salti di gioia per l’assurda decisione di Google di favorire la concorrenza.

E, come racconta AndroidAndMe, alcuni dipendenti Google scrivono su Twitter messaggi come “Cerco lavoro nel settore mobile, Apple, Microsoft, Palm, mi volete assumere?”

Twitter

Nel frattempo, se avete un cellulare con Android, firmate la petizione per salvare l’opensource scaricando l’applicazione sul Market! Non ho mai visto una applicazione con così tanti commenti!

Google Google…

Finalmente il Wii costa di meno! (In America)

Era l'ora! Dopo quasi TRE anni, la Nintendo si è resa conto che è un po' difficile vendere a 259 euro una console con un processore del 2001, quando l'xbox360 viene venduta a partire da 199 euro, o la Playstation 3 a 299 euro! Senza contare che nel 2006 produrne una costava 158$ (100 euro circa!!!), e adesso costa circa 75 euro! A confronto, 3 anni fa la Sony spendeva 800$ per produrre la PS3 da 20Gb per rivenderla a 399$! (Mossa di mercato: costando meno, ne vendono di più, la base di utilizzatori è più alta, e si vendono più giochi = più soldi)

I rumors dell'abbassamento di prezzo si sono rincorsi per mesi e mesi, senza dare risultati sperati, fino a quando l'ultimo rumor della settimana scorsa si è rivelato fondato.

Quindi, a partire da Domenica, il Wii in America costerà 199$ (circa 140 euro)

E da noi? 199 euro? O forse 209 euro? (Noi italiani paghiamo il Wii 10 euro in più rispetto a tutto il resto d'Europa! E non è un discorso di "le tasse italiane sono più alte", nei paesi dove l'IVA è più alta rispetto a quella italiana, costa sempre 249 euro... ma forse questo è normale, in questo modo dimostrano che noi italiani lo prendiamo sempre in ....

Comunque, c'è da rallegrarsi, i Twiizers hanno trovato l'ennesimo exploit per l'homebrew su Wii, Indiana Pwns! (ormai ho perso il conto di quanti exploit sono stati trovati )

 

Aggiornamento:

Punto Informatico ha scritto che in Italia NON ci saranno sconti, semplicemente abbineranno il MotionPlus alla console (valore di mercato: 19 euro - costo di produzione 2 euro - sono dei sensori da 1 euro, ma che per motivi di costi avevano deciso di rimuovere dal telecomando, se no su 39 euro ci guadagnavano solo 25 euro invece di 26...)

che fortuna!!!

Alla fine ero stato troppo ottimista a prevedere 209 euro in Italia, il prezzo scontato che farebbero sarebbe quindi 239 euro. Occhio a non sprecarsi, eh!

La nuova frontiera delle protezioni anticopia

Recentemente, le protezioni anticopia dei videogiochi sono diventate sempre più complesse ed invasive; installano driver virtuali che intercettano eventuali manomissioni nel codice, attivazione online con numero univoco della macchina del cliente, ma alla fine falliscono sempre, e va a finire che il povero cliente onesto che ha pagato, ottiene più grane di chi invece se lo va a prendere gratis

Per esempio per alcuni giochi, i clienti onesti sono obbligati a fare un controllo e riattivazione periodica antipirateria. Tutto bene per chi ha internet in casa... ma per i pochi che non ce l'hanno???

Conosco qualcuno che è stato obbligato a craccare il suo gioco originale (Need for Speed Prostreet), perché, non avendo internet a casa, non ha potuto attivarlo.

Oppure in alcuni casi la protezione anticopia non funziona sui sistemi troppo recenti. Provate per esempio a giocare a State of Emergency (del 2001 - costa 5 euro come fondo di magazzino) su un computer recente. Sarete OBBLIGATI a craccarlo, perché la fantastica protezione anticopia non riconosce il disco originale.

Ma qualcosa sta cambiando, le software house sono diventate più furbe, e non posso fare che applaudire al loro genio.

Su molti giochi della Square per Nintendo DS, hanno applicato una protezione anticopia eccezionale; Final Fantasy Crystal Chronicles pare partire e funzionare perfettamente, ma dopo una ventina di minuti, blang, appare una scritta "Grazie per aver giocato", riavviando da capo il gioco.

Protezione Crystal Chronicles

Oppure come a Dragon Quest, una scena di intermezzo dura per sempre, o The world ends with you, dove si pianta sempre nello stesso punto giusto poco prima del primo salvataggio.

E recentemente anche con Batman Arkham Asylum per PC, come segnala kotaku, il gioco ha una protezione anticopia "debole", che, se infranta, rende impossibile aprire le ali del supereroe durante il gioco! Geniale!

E la cosa produce reazioni esilaranti; un "cliente" ha protestato sul forum dell'Eidos, chiedendo come mai le ali non si aprissero!! (nota: l'ha pure chiesto 6 giorni prima dell'uscita ufficiale del gioco nei negozi)


Statistiche

  • Interventi (357)