Dandandin.net - English   Dandandin.it - Japanese

Ci sono i petrolieri dietro al film ambientalista?

Poche ore fa, mentre tornavo in Italia in aereo, ho visto il film Promised Land.

Il film parla di una multinazionale del petrolio che vuole trivellare il terreno di una ridente cittadina della campagna americana per estrarre gas naturale. L'ovvia conclusione del del film, è che il gas naturale è indispensabile e più pulito del petrolio, ma l'estrazione è inquinante e quindi alla fine è meglio non trivellare per preservare la bellissima campagna americana. È vero, con i soldi che la multinazionale pagherebbe come diritti di estrazione la qualità della vita aumenterebbe, ma a che prezzo? Ne vale la pena?

Finito il film, titoli di coda: prodotto da Image Nation Abu Dhabi. Rimango shockato! Ehi, ma non era "il film che la lobby dei petrolieri ha cercato invano di sabotare"??

Torno a casa e cerco subito, Image Nation Abu Dhabi è una divisione di Abu Dhabi Media, interamente controllata e finanziata dagli Emirati Arabi.

Per quale motivo una nazione con una delle riserve di gas naturali più grandi al mondo dovrebbe finanziare un film ambientalista???

L'unico motivo che mi viene in mente è trasmettere questo segnale: Americani, non estraete il vostro gas naturale, compratelo dagli arabi.

Coincidenza o complotto?

L'era del giornalismo copia/incolla

Come sicuramente saprete, pochi giorni fa è morta Margherita Hack. Sono stati pubblicati decine e decine di articoli, molti come questi:

Notate qualcosa di strano? Esatto, sono identici, entrambi copia e incolla esatti della notizia Adnkronos. Quanto tempo ci avranno dedicato? Dieci secondi? Quindici secondi? Non di più, altrimenti l'errore del titolo, "astrofica", sarebbe subito saltato all'occhio. I più pignoli magari avranno notato anche e' al posto di è.

Cos'è più importante, scrivere un articolo ponderato, che abbia un senso e susciti emozioni nel lettore, oppure copiare a caso qualsiasi cavolata passi internet pur di arrivare 10 secondi prima degli altri??

 

E se OS X 10.9 non esistesse?

Stasera ci sarà l'Apple WWDC, la conferenza annuale degli sviluppatori.

Sarà annunciato iOS 7, forse un iPhone 6 o 5S, ma quello che mi ha colpito è questo banner.

Dice solo: "X"

Niente 10.9, niente altri felini, solo un'onda.

Secondo me, dato che ormai i nomi dei felini sono quasi finiti (e non possono chiamarlo "Cat", dopo averlo chiamato "Tiger", "Lion", "Panther"), annunceranno una versione "perpetua" di OS X, chiamato solo "X".

Niente più aggiornamenti annuali, le nuove funzionalità appariranno gradualmente.

"Ma in questo modo non faranno più soldi vendendo il sistema operativo!", direte.

Nessun problema, basta mettere dei blocchi arbitrari come con il Mac Pro del 2007 (6000 euro) che ufficialmente non può eseguire OS X 10.8, oppure come l'iMac del 2006 che non può eseguire nemmeno OS X 10.7, e così, invece di far comprare alla gente un upgrade annuale da 20 euro, devono comprare un nuovo Mac da 1500 euro ogni 4-5 anni.

Aggiornamento:

La mia previsione si è rivelata errata, è stato annunciato OS X 10.9 Mavericks. Ancora però non si sa prezzo e quali modelli sono supportati.

Google mi ha rotto le scatole

Adesso basta! Per l'ennesima volta, una funzione vitale che usavo quotidianamente viene cancellata "perché non la usava nessuno"!

Prima Reader, poi il protocollo XMPP di Google Talk, questa volta è il turno dell'anteprima rapida su Gmail: bastava fare clic col destro su una email non letta ed appariva l'anteprima del contenuto in un riquadro; era perfetto per leggere un messaggio senza aprirlo completamente, risparmiando un sacco di tempo!

La motivazione è l'ennesimo redesign inutile di Gmail per far accedere rapidamente a promozioni, offerte e notifiche di Google+!

E che cavolo, il fulcro delle loro decisioni è sempre questa schifezza di Google+!

Basta, Google+ è un fallimento che non usa nessuno, rassegnatevi e fategli fare la fine che merita, su uno scaffale accanto a Buzz e a Wave.

Prendete un articolo a caso da internet, e guardate il confronto tra Tweet, Like e +1.

Sebbene a Google+ ci siano iscritte milioni di persone in tutto il mondo, e che loro si vantino di essere il social con più utenti al mondo (un po' come Myspace), alla fine non lo usa nessuno (esattamente come Myspace).

Tutti i tentativi di farlo continuare ad esistere sono uno più ridicolo degli altri, primo su tutti quella stupidissima idea di obbligare a fare le recensioni con Nome, Cognome e collegamento al proprio profilo sulle app Android! Per quale motivo, se recensisco un'app Android, c'è bisogno di pubblicare il mio nome, cognome, foto reale e pure il collegamento al mio profilo??? Magari qualcuno scarica qualche app "compromettente" (qualcosa di sessuale, o di politico, insomma), gli piace, fa una recensione che viene OBBLIGATORIAMENTE SEGNATA col suo nome e con la sua foto, e, se non ha reso privato il proprio profilo, anche dove lavora, dove studia, dove abita, che amici frequenta!!!!

Per esempio un gruppo di neonazisti omofobici potrebbe ottenere una lista di persone da importunare semplicemente leggendo le recensioni di Grindr. Oppure una ragazza, semplicemente cercando su Google, potrebbe scoprire che pochi giorni prima il suo ragazzo ha lasciato una recensione "5 stelle, app fantastica, funziona veramente" su "Trova amiche di letto". E potrei continuare per ore a fare esempi del genere!

Stesso discorso su YouTube e i blog di Blogger.com, dove stanno spingendo quest'assurda politica del commento con profilo reale. Dov'è la mia privacy???

Quindi, ho deciso di dargli un segnale, che è un po' una goccia nell'oceano: mi sono cancellato da Google+

Cancellarsi è facilissimo, e non cancella le altre funzioni dell'account Google. (Picasa, Docs, YouTube, ecc...)

Una modifica che non cambierà affatto le vostre abitudini (quanti di voi lo usano in modo serio???), e farà in modo che Google sia un po' meno al centro del vostro mondo.

Come svegliarsi e stare tutta la mattina con il buon umore

Ho scoperto una sveglia bellissima per Android, iPhone e BlackBerry 10!

Dai creatori di UNIQLO Calendar, ecco UNIQLO WAKE UP! (UNIQLO è una catena di abbigliamento molto famosa in Giappone)

Prima di suonare, va su Internet a verificare il meteo, e suona una musica che varia a seconda del clima. E la musica è scritta da Cornelius (Keigo Oyamada) e Yoko Kanno, autrice di colonne sonore spettacolari per numerosi anime!!!

Una voce sintetica, ma musicale stile Hatsune Miku, vi dirà "Buongiorno, sono le ♫ oooottooooo ♪, è martedì, e ♫ fuooooori ♪ pioooooveeeeeeeee ♫"

È bellissimo, oggi piove ma è tutta la mattina che sto canticchiando "dan dandan din dandin, good morning, it's part-lyyyyy cloud-yyyyyyy"

Purtroppo non è esente da difetti:

  • La voce è solo in Inglese o in Cinese. Niente Giapponese??? Eppure è un'app fatta per i giapponesi!!!! In effetti la descrizione dice "アラームミュージックのボーカルは、英語、マンダリン語の2つから選択することができます。" (=L'allarme può essere impostato in inglese o in cinese)
  • È lenta da morire e ci mette un bel po' a caricare, anche se la schermata principale è un semplice sfondo colorato con l'orario e il meteo.
  • Quando esci e rientri, anche se lo fai immediatamente, per un evidente errore di programmazione ricarica tutto, di nuovo, da zero...
  • Ignora il volume dell'allarme e usa il volume del multimediale, quindi molte volte c'è il rischio che parta muto - dovrebbero fare in modo che, prima di suonare l'allarme, imposti il volume a un livello predefinito.

Scarica per iPhone, Android e BlackBerry 10 (nota: per installare su BB10, seguire questa guida. Pare che l'app sia in grado di aprirsi da sola anche con l'active frame chiuso: in teoria questo non è supportato, per essere sicuri al 100% che ci svegli, è meglio lasciarla attiva in un active frame)

Le Converse con i tacchi!

Le All Star sono tornate ad essere molto popolari in questi tempi, ma, avendo la suola piatta, non sono molto adatte per chi è basso e vuole sembrare un po' più alto.

Guardando questa compilation di pubblicità giapponesi, ho però visto che le hanno appena inventate (lo spot si trova qua)! All'interno c'è una zeppa, per aumentare l'altezza di chi le porta di qualche centimetro!

Spettacolare!

Purtroppo, come tutte le cose spettacolari, pare che sia in vendita solo in Giappone...

Come farsi rubare il telefono stando comodamente seduti a casa

(e magari nel frattempo farsi svuotare il conto)

La scorsa settimana mi hanno regalato un altro BlackBerry Z10. Avendone già uno, ho deciso di venderlo. Su ebay non ho avuto buone esperienze di recente, poi non mi va giù il fatto che alla fine loro si intaschino una bella percentuale, quindi l'ho messo su Subito.it e su ebay annunci.

Solo sette minuti dopo mi arriva un messaggio! Emozionato, lo apro subito:

Proviene da "g.....a.g.....n.....e...r....[email protected]" (uhm... che indirizzo poco sospetto: su gmail i punti vengono ignorati, è stato fatto apposta per fare in modo che l'indirizzo non sia trovabile su Google, il vero indirizzo è [email protected]) e dice "Mi interessa l'annuncio, è ancora valido?"

Rispondo da un account di posta farlocco: "Certo che l'annuncio è ancora valido, è stato pubblicato meno di 10 minuti fa"

Ed ottengo subito una risposta (da una mail diversa, [email protected]) che mi spiega che il tizio è italiano, ma per lavoro si trova ad Abidjan, ed è talmente interessato al mio Z10 da essere disposto a pagare ben 100 euro in più al prezzo da me chiesto, purché io lo spedisca subito con le POSTE ITALIANE.

Qua capisco subito che il tizio non è affatto italiano, altrimenti non mi avrebbe MAI chiesto di spedire una cosa così costosa in un paese così lontano usando le POSTE ITALIANE! wink

Comunque, rispondo "certo, invia i soldi a questa email, e ti spedisco il telefono in giornata"

Pochi secondi dopo mi arriva una mail phishing proveniente da [email protected] (c'è crisi, PayPal non può permettersi una mail professionale, deve usare yahoo mail) che mi avvisa in italiano super sgrammaticato che sono arrivati i soldi sul mio conto! Devo solo cliccare e inserire la mia password di PayPal per accettare il pagamento. wink

Fico, in questo modo il truffatore non solo si prenderebbe il mio telefono gratis, ma con la mia password di PayPal potrebbe anche fare shopping a mie spese!

Clicco il falso link nella falsa mail e mi ritrovo su un falso sito dove, inserendo la mia falsa email con una falsa password tipo "ohnocisonocascato", vedo che il falso pagamento è stato accreditato sul mio falso account, wow!

Rispondo "wow, che pagamento veloce! Te lo spedisco subito con le poste italiane, arriverà sicuramente in breve tempo"

Non capendo l'ironia, mi risponde "Grazie! Spediscilo a:

Nome: CHANTAL  KOUAKOU
Indirizzo: COCODY RUE DES PRINCES LOTTO:748
Indirizzo postale:12 BP 2479
CITTA ': ABIDJAN
PAESE: Costa d'Avorio
TEL: +225 66751492

Rispondo: Aspettalo con impazienza, arriverà

Ps: qualcuno è interessato a un BlackBerry Z10 Nero, nuovo e sigillato?

Google, al centro del tuo mondo

L'altro giorno ho installato Collusion, un'estensione per Firefox. Quello che fa è tenere traccia della navigazione Internet, per poi mostrare in un grafico la correlazione tra di essi. Ecco che cosa è venuto fuori dopo un paio di ore:

Magari non si vede bene, ma al centro del mio mondo digitale c'è Google. E nel vostro?

Alice e Kev

Rimettendo a posto i miei segnalibri, ho trovato questo blog del 2009: Alice e Kev. Storia vecchia, direte, ma è comunque interessante.

L'autore, infatti, ha creato una famiglia di senzatetto in The Sims 3, gli ha tolto tutti i soldi e li ha fatti vivere in un giardino, lasciandoli liberi di agire secondo la loro personalità digitale e scrivendo un diario delle loro avventure autonome.

Alice è una ragazzina generosa, ma timida e senza stima di sé stessa, mentre suo padre Kev è uno psicopatico antisociale che odia i bambini. Senza lavoro, senza casa e senza soldi avranno molti guai da passare...

Il blog è in inglese, ma è molto interessante seguire le evoluzioni della storia.

Come ricomprimere tanti video lasciando la data originale

In realtà questo articolo dovrebbe chiamarsi come modificare i file di una cartella lasciando la data di modifica immutata, ma nella grande maggioranza dei casi si tratta di video.

Infatti, i video in HD di oggigiorno sono IMMENSI, il mio cellulare produce video da 200 MB al minuto, se registro una decina di minuti di uno spettacolo pirotecnico, mi viene un file gigante da 2 giga, lo spazio di un film completo su DVD: è uno spreco assoluto, considerando che di solito questi video sono tremolanti, bui e con audio confuso.

In questi casi è possibile ricomprimere i video con Handbrake senza che ci sia una perdita di qualità sostanziale.

Il problema principale è che, quando io ricomprimo il video, perde la data originale di creazione/modifica, ed in alcuni casi questo è un bel problema, specialmente se vogliamo tenerli ordinati cronologicamente, per esempio come memoria di un viaggio.

È possibile modificare manualmente la data di modifica con programmi come questo, ma è un lavoro estremamente tedioso.

Come fare? Ho chiesto aiuto su SuperUser e John Siu mi ha scritto uno script in PowerShell che fa esattamente quello che volevo!

Prima di tutto dobbiamo installare PowerShell sul nostro PC.

Poi, mettiamo i file da convertire in una cartella, ed eseguiamo lo script SaveTime.ps1: lo script salverà su un file le date di creazione dei nostri video.

Adesso possiamo convertirli tutti in blocco, per esempio usando Handbrake batch encoder.

Una volta convertiti tutti i video, possiamo ripristinare la data originale eseguendo OldTime.ps1, facendo attenzione al fatto che i nuovi file si chiamino esattamente come quelli vecchi.

Se dopo la conversione l'estensione del file è diversa (per esempio: m4v diventa mp4), dobbiamo renderla uguale usando uno di questi due metodi:

  1. Modificando il file che contiene tutte le date, OldTime-record.ps1 con un "trova e sostituisci" per cambiare le estensioni del file
  2. Rinominando tutti i file col comando DOS "ren *.mp4 *.m4v"
Pagina 3 di 36 << < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 > >>


Statistiche

  • Interventi (357)