Dandandin.net - English   Dandandin.it - Japanese

Di solito si dice che venerdì 13 porti sfortuna.

Dopo quello che mi è successo venerdì scorso, penso che sia l'8

La giornata è iniziata bene, a lavoro ho notato che nel corridoio c'era un barattolo di vernice acrilica nera: se fosse caduto per terra sarebbe stato un disastro! Quindi ho chiamato un collega e ho detto di portarlo via, l'ha preso in mano, ma, mentre andava via, è inciampato! Immaginatevi quasi mezzo litro di vernice acrilica nera sul pavimento! Per fortuna che era stata annacquata con un qualche solvente, quindi non è seccata subito. Con tanto olio di gomito alla fine siamo riusciti a pulire il pavimento, ma gli oggetti plastici e i vestiti sono rimasti macchiati irreparabilmente... vabbé...

Poche ore dopo, mi siedo al computer, premo il menu start e si blocca il sistema. Riavvio: uguale. Ri-riavvio: uguale. Dannazione!

La causa va ricercata 2-3 mesi addietro. Entrando dentro amazon.it , mi viene richiesta in inglese una miriade di informazioni personali. "C'è qualcosa che non va!", ho subito pensato. Ed ho pensato bene. È inusuale che il mio computer venga infettato da un virus, in quanto di solito provo tutte le cose inaffidabili in macchine virtuali. Probabilmente devo aver preso un virus incorporato in un file pdf (oddio quanti bug ha acrobat reader!). E non un virus comune, ma il famoso zeus, un trojan molto costoso che un'organizzazione criminale russa crea su misura ai ladri di identità. Per un importo che parte da circa 5000 euro per la versione base, un ladro di identità può intercettare tutte le connessioni che avvengono verso siti bancari. Essendo il creato su misura, non è rintracciabile dagli antivirus: infatti il 58% degli infetti ha un antivirus regolarmente aggiornato che crea un falso senso di sicurezza.

Comunque sia, avevo già previsto di rimpiazzare il computer, e avevo ordinato lunedì scorso nuovi componenti per aggiornare il computer (Dato che devo formattare, tanto vale cambiare anche scheda madre e processore, no? )

Prendo il cacciavite e lo inizio a montare. Dopo aver montato il processore sulla scheda madre, mi viene in mente che potrei usare un altro case (scatola) per assemblare il computer, invece di rimpiazzarlo, così potrei trasferire qualche file più facilmente. Ma non l'avevo previsto in fase di ordine... quindi cerco un case in magazzino, e lo trovo, usato, ma sembra molto bellino. Monto tutto, tutti i cavi dentro, con le fascette, lo collego, premo il pulsante e.....

...non succede niente...

"Ah già, mi son dimenticato di dirti che l'alimentatore di quel case è rotto", mi dice il collega.

Ma va..............oooooooooooo

Quindi, rismonto tutto, smonto il vecchio, e rimonto lì dentro. Funziona! Metto il cd di Windows e... Error: bootable media not found (non trovo un disco di avvio"

Ma come? Per farla breve, il lettore dvd tolto dalla confezione originale poche ore prima s'era già rotto, e non leggeva il disco.

Perfetto, per fortuna che ne avevo comprati due! Scambio i lettori, ed inizio l'installazione di Windows 7. Muovo il cursore per premere Installa, ma non si muove! Guardo il mouse per bene: la luce rossa è spenta! Che sia rotto?? Va bene che è un mouse da 4 euro, ma che si rompa subito non è credibile... e invece è proprio rotto: non funziona su nessun computer! Prendo il mouse dal vecchio Apple G3 che ormai non usa più nessuno: un pulsante solo è sempre meglio di zero

Perfetto, sono le 8 di sera, posso mangiare un panino e poi, dopo aver installato i programmi, iniziare a lavorare

Morale della favola: sono tornato a casa alle 3 di notte


Statistiche

  • Interventi (357)