Dandandin.net - English   Dandandin.it - Japanese

Come svegliarsi e stare tutta la mattina con il buon umore

Ho scoperto una sveglia bellissima per Android, iPhone e BlackBerry 10!

Dai creatori di UNIQLO Calendar, ecco UNIQLO WAKE UP! (UNIQLO è una catena di abbigliamento molto famosa in Giappone)

Prima di suonare, va su Internet a verificare il meteo, e suona una musica che varia a seconda del clima. E la musica è scritta da Cornelius (Keigo Oyamada) e Yoko Kanno, autrice di colonne sonore spettacolari per numerosi anime!!!

Una voce sintetica, ma musicale stile Hatsune Miku, vi dirà "Buongiorno, sono le ♫ oooottooooo ♪, è martedì, e ♫ fuooooori ♪ pioooooveeeeeeeee ♫"

È bellissimo, oggi piove ma è tutta la mattina che sto canticchiando "dan dandan din dandin, good morning, it's part-lyyyyy cloud-yyyyyyy"

Purtroppo non è esente da difetti:

  • La voce è solo in Inglese o in Cinese. Niente Giapponese??? Eppure è un'app fatta per i giapponesi!!!! In effetti la descrizione dice "アラームミュージックのボーカルは、英語、マンダリン語の2つから選択することができます。" (=L'allarme può essere impostato in inglese o in cinese)
  • È lenta da morire e ci mette un bel po' a caricare, anche se la schermata principale è un semplice sfondo colorato con l'orario e il meteo.
  • Quando esci e rientri, anche se lo fai immediatamente, per un evidente errore di programmazione ricarica tutto, di nuovo, da zero...
  • Ignora il volume dell'allarme e usa il volume del multimediale, quindi molte volte c'è il rischio che parta muto - dovrebbero fare in modo che, prima di suonare l'allarme, imposti il volume a un livello predefinito.

Scarica per iPhone, Android e BlackBerry 10 (nota: per installare su BB10, seguire questa guida. Pare che l'app sia in grado di aprirsi da sola anche con l'active frame chiuso: in teoria questo non è supportato, per essere sicuri al 100% che ci svegli, è meglio lasciarla attiva in un active frame)

Le Converse con i tacchi!

Le All Star sono tornate ad essere molto popolari in questi tempi, ma, avendo la suola piatta, non sono molto adatte per chi è basso e vuole sembrare un po' più alto.

Guardando questa compilation di pubblicità giapponesi, ho però visto che le hanno appena inventate (lo spot si trova qua)! All'interno c'è una zeppa, per aumentare l'altezza di chi le porta di qualche centimetro!

Spettacolare!

Purtroppo, come tutte le cose spettacolari, pare che sia in vendita solo in Giappone...

Per un microfono di troppo

Storia breve: quando il microfono del GameCube è collegato al Wii e si prova a far partire giochi che non lo supportano, si bloccano al logo iniziale.

Storia lunga: quando diversi anni fa andai in Giappone per la prima volta, comprai un Wii + un monte di giochi per GameCube che venivano svenduti a 100 yen cadauno (all'epoca 0,62 euro)

Tra essi c'era anche 伝説のクイズ王決定戦 (Densetsu no Quiz Ouketteisen - Il leggendario torneo dei campioni di quiz), un quiz a riconoscimento vocale dove invece di scegliere una delle quattro risposte, bisogna gridare a voce la risposta esatta, ovviamente in Giapponese e ovviamente a risposta aperta.

Ok, non ci ho mai giocato, nemmeno una volta, ma la scatola è bellina da tenere sullo scaffale... e poi c'era l'utilissimo microfono in regalo wink

I titoli che hanno bisogno del microfono sono:

  • Mario Party 6
  • Mario Party 7
  • Odama (un flipper a tema "ninja" inventato dall'ideatore dell'unico gioco per Dreamcast che usa il microfono)
  • Karaoke Revolution

All'inizio, gli unici giochi che avevo erano quelli per GameCube: quelli per Wii erano "troppo nuovi" e partivano da 2000 yen - 12 euro, quindi preferivo risparmiare e comprare 20 giochi al prezzo di uno, ahahah - non avevo nemmeno Wii Sports, perché non era in regalo con la console e costava 32 euro.

Quando sono tornato in Italia, per giocare ai giochi italiani, ho dovuto mettere il WiiKey.

Il problema è che il Wii giapponese, funziona SOLO IN GIAPPONESE!

Esatto, se io prendo la copia italiana di Wii Sports e la metto su un Wii giapponese (col modchip, perché c'è il blocco regionale), i menu vengono comunque tutti in Giapponese!!! (O in inglese, se mancano i file del giapponese)

Quindi, quando sul blog di Waninkoko ho letto del suo nuovo Region Changer, l'ho subito usato cambiando la regione del Wii a PAL.

Non l'avessi mai fatto: ho usato la beta piena di bug (definita da Marcan come semibrick) e mi sono trovato un Wii "monco" che si bloccava quando aprivi la tastiera perché andava a cercare il dizionario italiano che non era installato, che aveva i doppi canali italiano+giapponese per i vari meteo, news, ecc...

Un casino!

Alla fine, usando AnyRegion Changer ho risistemato il problema, ma nessun gioco per GameCube ha più funzionato.

Ho provato in tutte le salse, decine di MIOS differenti, TUTTI i giochi per GameCube mi si bloccavano al logo iniziale: boh...

Ho provato a caricarli con l'adattatore SD per il GameCube col vecchio SD Loader: niente

Ho provato il nuovo DIOS MIOS, per caricare i giochi da usb: niente, nessun gioco partiva

Ieri sera, mi sono detto: "basta, non c'è verso di farli funzionare", e, mentre era ancora bloccato, ho iniziato a sconnettere i controller e le memory card, incluso il microfono (che in realtà è una specie di memory card). Non appena l'ho staccato, BAM, ha ripreso a funzionare!

Ho provato tutti i giochi e funzionavano tutti!!! Che rabbia!!!

Morale: quando il microfono del GameCube è collegato al Wii (almeno: sul mio) e si prova a far partire giochi che non lo supportano, si bloccano al logo iniziale.

Evviva, adesso posso giocare a Donkey Konga!

La distruzione assoluta

Poco dopo il disastro dello tsunami in Giappone nel 2011, sono apparse le prime foto satellitari "prima e dopo", per mostrare la devastazione. Adesso, Google è entrata nella zona "vietata" a causa delle radiazioni e ha messo su Street View la distruzione.

Le immagini sono impressionanti, guardate qua.

Non è rimasto più nulla, quella che era una scuola elementare, ora è macerie. Le telecamere sono entrate anche dentro.

L'esterno, l'ingresso, la cucina, le aule del piano terra...

E anche le città più lontane dalla costa, meno colpite dall'onda distruttiva, ma comunque avvolte dalla coltre radiattiva, appaiono deserte...

Riuscite a leggerci qualcosa?

Se sapete leggere gli Hiragana, riuscite a leggere i caratteri estremamente deformati dell'immagine qua sopra?

...

C'è scritto ふりそでーしょん  きゃりーぱみゅぱみゅ (Furisodeeshon kyarii pamyupamyu) e viene da questo video di Kyary Pamyu Pamyu.

L'ho trovato per caso, incuriosito da questo spot giapponese. (penso che il Giappone sia l'unico paese al mondo dove sia ancora redditizio fare pubblicità in TV per un singolo musicale).

È un video divertente, è stato pubblicato per il ventesimo compleanno di Kyary, quindi il ritornello fa "hatachi hatachi atashi hatachi furisodeshon" dove hatachi = 20 anni; atashi = watashi = io; e furisodeshon è l'unione di furisode, un kimono indossato dalle ragazze durante la cerimonia dei loro vent'anni con il suffisso inglese -tion. Dato che in Giappone l'età minima per bere l'alcol è 20 anni, nel video Kyary inizia a bere, salendo di livello man mano che si ubriaca, ahahahah.

Watashi ga Renai Dekinai Riyuu

Watashi ga Renai Dekinai Riyuu (私が恋愛できない理由 - il motivo per il quale non trovo l'amore) è una serie TV giapponese (ドラマ) che racconta la storia di 3 ragazze (+1 donna) alla ricerca dell'amore.

Le tre ragazze sono andate a vivere insieme per sentirsi meno sole e divertirsi di più, ma hanno un carattere totalmente diverso l'una dall'altra, come andrà a finire?

Il target è un po' femminile, ma trovo la serie molto divertente e interessante.

Sono 10 puntate da 50 minuti l'una, con i sottotitoli in inglese si trovano bene su internet, con quelli in italiano un po' meno...

 

In caso di emergenza indossare lo shopper

In caso di terremoto sarebbe bene indossare un elmetto per evitare che qualcosa ci colpisca alla testa. Ma non sempre si può trovare qualcosa di valido.

Grappa (si chiama così) ci viene in aiuto: è un sacchetto per la spesa con casco antinfortunistico integrato SHOEI! Basta con i calcinacci che ci cascano in testa, basta con i trauma cranici, basta indossare Grappa e saremo protetti!

Fare le foto inquadrando con le dita

Un prototipo di macchina fotografica giapponese non ha né mirino né display, basta inserire un dito in una fessura e inquadrare con le dita. Spiegarlo a parole è più difficile di come sembri realmente, ecco il video:

Il bat-segnale di Okinawa

Vicino all'aereoporto di Naha, nell'isola di Okinawa, hanno disegnato un enorme batsegnale da far vedere a chi arriva in aereo

Per vederlo, basta cercare 26.357865, 127.783782 in Google Maps


Visualizzazione ingrandita della mappa

I terremoti in Giappone nel 2011

Sul disinformatico ho trovato questo video realizzato un mese fa da un giapponese che analizza tutti i terremoti di magnitudo maggiore a 3.

Eccolo qua:

Sembra incredibile, l'anno scorso ci sono stati quasi un migliaio di eventi sismici di magnitudo superiore a 5 e quasi ventimila superiore a a 3, da noi sarebbe uno stato di emergenza continua

Pagina 1 di 5 1 2 3 4 5 > >>


Statistiche

  • Interventi (357)