dandandin.it

 

Scrivo questa "lettera di protesta" a distanza di quasi un mese, per fare sbollire la rabbia che avevo dentro, e scrivere "a sangue freddo".

Per il Capodanno 2010, il Comune di Firenze, ha pensato di fare le cose in grande; concerto gratis di Lucio Dalla, Irene Grandi, e i Negrita in piazza della Stazione, con il treno alta velocità Frecciarossa gratuito che porta a Bologna in poche decine di minuti per sentire altri musicisti.

Una idea fantastica, i Negrita e Lucio Dalla che si "scambiano i posti" e fanno contemporaneamente un concerto gratuito prima a Firenze e poi a Bologna, ed il biglietto del Frecciarossa era pure gratuito! (Se si è avuta MOLTA fortuna... e pazienza)

Ma iniziano i problemi... prima di tutto sono stati consegnati più biglietti di quanto il Frecciarossa possa contenere... e poi ci si rende conto di eventuali problemi di orario, come dice la Repubblica:

Ironia della sorte, però, i bolognesi che ieri hanno deciso di ritirare i 300 biglietti (cento in meno rispetto ai 400 posti disponibili inizialmente, perché 100 saranno riservati allo staff dei cantanti e alla stampa) per salire sul Frecciarossa diretto a Firenze nella notte di Capodanno non vedranno un minuto del concerto di Dalla. Chi parte da Bologna alle 23 infatti lascia le Due Torri prima che l'artista salga sul palco di Piazza Maggiore, ed arriva a Firenze dopo che ha già lasciato piazza Santa Maria Novella. In compenso potranno vedere per ben due volte i Negrita, che aprono la notte di San Silvestro a Bologna alle 21 e che lo chiudono a Firenze alle 23,40.

... ma va bene, pare un problema da poco.

Poi, il Comune, sebbene la festa di Capodanno sia stata organizzata da tempo, con sole 48 ore di preavviso, sequestra tutte le biciclette parcheggiate dei pendolari! Come a lanciare un messaggio che la prossima volta si muovano in macchina e contribuiscano anche loro al traffico e all'inquinamento! Se rivogliono la bicicletta, paghino la multa e la prossima volta vengano con il loro mezzo motorizzato a Firenze, invece che prendere il treno e muoversi con un mezzo ecologico!

... ma va bene, magari si sono dimenticati di affiggere le notifiche di rimozione in tempo...

L'organizzazione dell'evento ha comunque pensato a tutto, per esempio: "Come facciamo a far parcheggiare tutti gli automuniti che vogliano venire al Concerto?"

Dunque, prima di tutto chiudiamo TUTTI i parcheggi a pagamento del centro, in questo modo limitiamo il traffico nella zona; basterà far parcheggiare gratuitamente in periferia, e poi con ben otto linee di bus navetta gratuite, porteremo tutti al concerto!

Si! Evviva! Non dovremo perdere ore a cercare un parcheggio improbabile in centro! Andiamo tutti ad aspettare il bus gratis al parcheggio scambiatore!

Quindi, con i miei amici, vado tutto contento ad aspettare il bus, alle 22.40. "Ehi, guarda che folla che c'è, mi sa che passerà tra poco!" - dico guardando le centinaia di ragazzi che aspettavano in mezzo di strada il bus! "Mi sa che forse dovremmo aspettare il prossimo, chissà se il bus riuscirà a caricarci tutti", si sentiva dire.

Passano i minuti... e niente arriva. Con il mio cellulare Android, vado subito a cercare informazioni sul sito Ataf... si, si, le navette hanno una frequenza di 20 minuti, dalle 21 alle 4 del mattino...

"Beh, è passato quasi un quarto d'ora... si vede che l'abbiamo appena perso", penso.

Alle 23.30 gli animi si fanno pesanti, si comincia già ad inveire contro l'Ataf, ma vabbé, è normale che i bus siano in ritardo di 40 minuti.

All'avvicinarsi della mezzanotte si comincia veramente ad arrabbiarsi: chi dice che appena arriva il bus inizierà a staccare i sedili; chi spacca le bottiglie di birra e di spumante in terra; chi vuole dare fuoco al bus, ed altri intenti non proprio nobili... ma tutti si spera che il bus passi per farci fersteggiare con la folla in piazza stazione, ma alla fine, abbiamo passato tutti il capodanno alla fermata del bus! Beh, potremmo dire che abbiamo aspettato un anno alla fermata!

A mezzanotte e mezza ancora niente traccia del bus... se continuiamo così ci perdiamo tutto il concerto dei Negrita!

Quindi, cosa facciamo? Semplice, prendiamo la macchina ed andiamo in centro, parcheggiando su un bel marciapiede! Veloce, facile e sempre gratuito! Chi ce l'ha fatto fare di andare col bus? Per quale motivo avremmo dovuto contribuire alla riduzione del traffico? Come intento per il nuovo anno mi pongo di NON ridurre il traffico e l'inquinamento! (Come ho scritto a capodanno su twitter )

La domanda è: per quale motivo il Comune ha speso milioni per pubblicizzare, via email, per la strada, sulle tv locali, una iniziativa che NON ESISTEVA???? Pensavate che fosse una buona idea per pubblicizzarsi? Se dite dalle 21 alle 4 con frequenza di 20 minuti, come mai dalle 22 alle 1 non è passato NESSUN bus, in nessuna direzione????? Capisco che far lavorare 32 autisti a capodanno è estremamente costoso (8 linee con frequenza di 20 minuti richiedono almeno 4 autisti a linea), ma in tal caso dovevate dire: "dalle 21 alle 4, escluso dalle 21.30 alle 3.30"

Semplice, perché non vi interessa offrire un servizio di trasporto pubblico!

Per esempio, quando andavo alle Superiori, c'era una comoda linea che passava esattamente sotto casa mia. Perfetta! Ho subito fatto l'abbonamento. Il bus arrivava a scuola alle 7.50, con tutto il tempo per entrare comodamente alle 8.05. Nel caso perdessi il bus, ne arrivava un'altro alle 8.09, sempre in tempo per entrare a scuola. Per il ritorno, uscendo alle 13.50, prendevo sempre la solita linea delle 14.05. Perfetto! L'abbonamento studentesco del bus è molto più economico che andare a scuola con il motorino!

Poi, un giorno, arrivarono i nuovi orari del bus: arrivava a scuola alle 7.40... un po' troppo presto... e quello successivo passava alle 8.15... troppo tardi! E per il ritorno c'era il bus alle 13.48, ovvero due minuti prima dell'uscita da scuola, con quello successivo alle 14.26! E a scuola c'era il capolinea del bus, quindi, non c'erano problemi di coincidenze, o altro, l'Ataf ha intenzionalmente sabotato la linea che dal mio quartiere mi portava a scuola. noi studenti ci organizzammo, mandando lettere di protesta... ma niente. La risposta fu: chiedete alla scuola di uscire prima. E la stessa risposta anche dalle altre compagnie di trasporto extraurbano come Sita e Lazzi!!! A cosa serve una linea con il capolinea davanti a DUE SCUOLE, se, intenzionalmente, è stato fatto in modo che la linea non sia usata per andare a scuola???

Ovviamente, tutti noi studenti abbiamo risolto con il metodo più veloce: il motorino, 5 minuti contro i 30 del bus...

In teoria, andare a scuola con il bus non è un gran problema: uno esce di scuola con tutta calma, aspetta un paio di minuti e poi si mette a sedere per tutto il tempo, risparmia sulla benzina, non prende la pioggia, chiacchiera con gli amici, copia fa i compiti, è più sicuro, ecc... Ma se, dopo una dura giornata di studio, bisogna aspettare 36 minuti sotto qualsiasi condizione atmosferica, perché i dirigenti della compagnia non ascoltano le nostre necessità e non possono far aspettare 2 minuti il bus per noi, chi ce lo fa fare di tornare a casa dopo oltre un'ora, quando con il motorino potremmo esserci dopo soli 5 minuti?

Fuori dall'Italia, cerco sempre di prendere il bus, perfino in Cina, dove prendere il taxi costa 1-2 euro, prendevo sempre il bus: all'estero è un servizio per il pubblico, in Italia sembra che sia una scusa per mantenere qualche migliaio di lavoratori...

Commenti

 


Statistiche

  • Interventi (357)
  • Commenti (0)


https://old.dandandin.it/ecco-perché-cascasse-il-mondo-non-prenderò-mai-più-un-bus.aspx